endocannabinoid-system

Il sistema endocannabinoide: Come produce i suoi effetti la marijuana?

Di: Daniel C. Terapeutico

Molti di noi hanno già sentito parlare di alcuni dei sistemi di trasmissione all’interno del corpo umano, come il sistema nervoso simpatico, responsabile della nostra risposta di lotta o fuga. Però si è parlato meno del sistema endocannabinoide (SEC) scoperto più di recente, il che è sorprendente se si considera che potrebbe essere fondamentale per tutti gli aspetti del nostro funzionamento corporeo. Di seguito ti spieghiamo in dettaglio in cosa consiste, per capire come la cannabis produce i propri effetti.

Il sistema endocannabinoide comprende una vasta rete di segnali chimici e recettori cellulari densamente concentrati nei nostri corpi. Ad esempio, i recettori “cannabinoidi” nel cervello sono più numerosi di molti altri tipi di recettori che sono influenzati da diversi neurotrasmettitori.

I neurotrasmettitori sono molecole che le cellule cerebrali, o neuroni, usano per comunicare tra loro. Un neurone invia un messaggio al successivo rilasciando neurotrasmettitori, come la dopamina o la serotonina, in uno spazio infinitesimale che separa un neurone dall’altro.

I recettori dei cannabinoidi agiscono come dei controllori per i livelli e l’attività della maggior parte di questi neurotrasmettitori. Per stimolare questi recettori, il nostro corpo produce molecole chiamate endocannabinoidi (endo=dentro), che hanno una struttura simile alle molecole della pianta di cannabis o fitocannabinoidi (phyto=pianta). Il primo endocannabinoide ad essere scoperto è stato chiamato anandamide dalla parola sanscrita ‘ananda’ che significa felicità.

In stretta analogia, i recettori dei cannabinoidi agiscono come una serratura sulla porta della segnalazione cellulare, mentre gli endocannabinoidi sono la chiave che ne guida il meccanismo. I recettori dei cannabinoidi si trovano sulla superficie delle cellule e “leggono” le condizioni al di fuori della cellula. E trasmettono informazioni su quelle condizioni mutevoli all’interno della cellula, avviando la risposta cellulare appropriata.

Grazie a questo intricato sistema di “serrature e chiavi” distribuite in tutto il nostro corpo, il sistema endocannabinoide agisce come un ragno invisibile, attraversando il nostro corpo per mantenerne l’equilibrio o l’omeostasi, la stabilità al nostro interno. Ad esempio, se una forza esterna, come il dolore causato da un infortunio o la febbre, interrompe l’omeostasi del tuo corpo, il sistema endocannabinoide entra in azione per riportarlo al funzionamento ottimale.

Come si scoprì il sistema endocannabinoide?

Sebbene sia forse una delle scoperte scientifiche più importanti fino ad oggi, sappiamo dell’esistenza del sistema endocannabinoide da soli 30 anni, quando nel 1988 la neurochimica Allyn Howlett e i suoi colleghi della St. Louis University scoprirono per la prima volta un recettore sensibile al THC nel cervello di topi da laboratorio. Anni prima, nel 1964, Raphael Mechoulam e i suoi colleghi dell’Università Ebraica di Gerusalemme isolarono il tetraidrocannabinolo (THC) e scoperto che fosse il principale composto psicoattivo della cannabis.

Perché il corpo avrebbe dovuto produrre recettori se non ci fossero stati cannabinoidi naturali per comunicare tra loro? La scoperta dei recettori dei cannabinoidi ha scatenato la ricerca delle sostanze chimiche simili ai fitocannabinoidi all’interno del corpo che interagiscono naturalmente con questi recettori scoperti di recente: gli endocannabinoidi, che agiscono come “messaggeri” chimici e che aiutano a coordinare e regolare tutto ciò che sentiamo, pensiamo e facciamo.

Come funziona il sistema endocannabinoide?

Il SEC coinvolge tre componenti fondamentali:

Endocannabinoidi: sono prodotti dal corpo in base alle necessità, rendendo difficile sapere quali siano i livelli tipici per ciascuno. Finora gli esperti hanno identificato due endocannabinoidi chiave:

  • Anandamide (AEA)
  • 2-arachidonoilglierolo (2-AG)

Recettori dei cannabinoidi: presenti in gran parte del corpo, gli endocannabinoidi si legano ad essi per segnalare all’ECS di agire. Ci sono due ricevitori principali:

  • Recettori CB1, che si trovano principalmente nel sistema nervoso centrale.
  • Recettori CB2, trovati principalmente nel sistema nervoso periferico, in particolare sulle cellule immunitarie.

Gli endocannabinoidi possono legarsi a uno qualsiasi di questi recettori. Gli effetti risultanti dipendono da dove si trova il recettore e a quale endocannabinoide si lega. Ad esempio, potrebbero colpire i recettori CB1 su un nervo spinale per alleviare il dolore. Altri possono legarsi a un recettore CB2 sulle cellule immunitarie per segnalare che il corpo sta vivendo un’infiammazione.

Enzimi: sono incaricati di abbattere gli endocannabinoidi una volta che hanno svolto la loro funzione. Questo impedisce loro di accumularsi nel corpo. Ci sono due enzimi principali responsabili di questo:

  • Ammide idrolasi degli acidi grassi (FAAH), che scompone l’anandamide.
  • Lipasi di monoacilglicerolo, nota anche come lipasi MAG, che normalmente scompone 2-AG.

Come interagisce il THC con el sistema endocannabinoide?

Quando una persona fuma o inala cannabis, il THC entra nei polmoni e viene assorbito nel sangue. In pochi minuti, il sistema circolatorio trasporta le molecole di THC in tutti i tessuti del corpo, incluso il cervello, dove può alterare la chimica neuronale, portando ai suoi effetti psicoattivi.

Le molecole di THC che attraversano la barriera emato-encefalica scopriranno di adattarsi perfettamente ai recettori, proprio come gli endocannabinoidi. La struttura chimica del THC è simile all’anandamide, il che consente al corpo di riconoscere il THC e alterare la normale comunicazione cerebrale, agendo sulle aree che influenzano il piacere, la memoria, il pensiero, la concentrazione, il movimento, la coordinazione o la percezione sensoriale e del tempo.

endocannabinoid system

Ad esempio, il THC può alterare il funzionamento dell’ippocampo e della corteccia orbitofrontale, aree del cervello che consentono a una persona di formare nuovi ricordi e cambiare il focus dell’attenzione. Di conseguenza, l’uso di marijuana influisce sul pensiero e interferisce con la capacità di una persona di apprendere e svolgere compiti complicati.

Il THC altera anche la funzione del cervelletto e dei gangli della base, aree del cervello che regolano l’equilibrio, la postura, la coordinazione e il tempo di reazione. Questo è il motivo per cui le persone che hanno usato marijuana potrebbero non essere in grado di guidare in sicurezza.

Il THC attiva anche il sistema di ricompensa del cervello, che include regioni che regolano la risposta a comportamenti sani e piacevoli, come il sesso e il mangiare. Il THC stimola i neuroni nel sistema di ricompensa a rilasciare dopamina a livelli più alti di quelli normalmente osservati in risposta a stimoli naturalmente gratificanti. L’ondata di dopamina “insegna” al cervello a ripetere il comportamento gratificante, contribuendo a spiegare le proprietà di dipendenza della marijuana.

Come funziona il CBD en el sistema endocannabinoide?

L’altro principale cannabinoide è il cannabidiolo (CBD). A differenza del THC, il CBD non è psicoattivo e generalmente non provoca effetti negativi. Gli esperti non sono del tutto sicuri di come interagisca con il sistema endocannabinoide, ma sanno che non si lega ai recettori CB1 o CB2 come fa il THC.

Molti credono che funzioni impedendo la degradazione degli endocannabinoidi. Questo permette loro di avere più di un effetto nel corpo. Altri credono che il CBD si leghi a un recettore che deve ancora essere scoperto. Mentre i dettagli sono ancora in discussione, la ricerca suggerisce che il CBD può aiutare per dolore, nausea e altri sintomi associati a più patologie.

Cosa succede con la deficienza di endocannabinoidi?

Alcuni esperti credono in una teoria nota come carenza clinica di endocannabinoidi (CECD), che suggerisce che bassi livelli di endocannabinoidi nel corpo o una disfunzione del SEC possono contribuire allo sviluppo di alcuni disturbi.

Un articolo del 2016 che esamina più di 10 anni di ricerca sull’argomento suggerisce che la teoria potrebbe spiegare perché alcune persone sviluppano emicrania, fibromialgia o sindrome dell’intestino irritabile. Nessuna di queste patologie ha una chiara causa scatenante e sono spesso resistenti al trattamento.

Se il CECD svolge una sorta di ruolo in questi disturbi, mirare al sistema endocannabinoide o alla produzione di endocannabinoidi potrebbe essere la chiave mancante per il trattamento, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Il sistema endocannabinoide svolge un ruolo fondamentale nel mantenere stabili i nostri processi interni, ma c’è ancora molto che non sappiamo al riguardo. Man mano che gli esperti sviluppano una migliore comprensione di come funziona, potrebbero scoprire la chiave per rivoluzionare la storia della medicina come non abbiamo mai visto prima.

Kannabia seed Company vende ai suoi clienti un prodotto da collezione, un souvenir. Non possiamo e non dobbiamo dare consigli sulla coltivazione perché il nostro prodotto non è destinato a tale scopo.

Non siamo responsabili dell’uso illecito che potrebbe essere fatto da parte di terzi delle informazioni qui pubblicate. La coltivazione della cannabis per autoconsumo è un’attività soggetta a determinate restrizioni legali che variano da stato a stato. Si consiglia di rivedere la normativa vigente nel Paese di residenza per evitare di incorrere nello svolgimento di un’attività illecita.

Condividere: