Parliamo del THC

Parliamo del THC

Di: Carmen Arriaza Culture

Cos’è il THC?

Il Δ-9-Tetraidrocannabinolo, noto come THC, è il componente psicoattivo più importante e più abbondante della cannabis. Le varietà non psicoattive, come la canapa, devono avere una percentuale di THC inferiore all’1%, secondo le normative internazionali. La percentuale di THC nelle piante psicoattive dipende dalle condizioni di crescita, può variare da livelli di concentrazione molto bassi a oltre il 25%.

Come rilevato in numerosi campioni, la potenza generale è aumentata negli ultimi decenni. All’inizio degli anni ’90, il contenuto medio di THC nei campioni analizzati era inferiore al 3,7%, nel 2014 era superiore al 6,1% e nel 2018 è aumentato al 15%.

La struttura chimica del THC è molto simile all’anandamide chimica del cervello, questo è il motivo per cui consente alle sostanze di essere riconosciute dall’organismo e di alterare la normale comunicazione cerebrale.

La marijuana produce una gamma molto interessante e vasta di sostanze fitochimiche. Come le piccole strutture cristalline sulla superficie delle cime conosciute come tricomi, che lavorano molto duramente per sintetizzare più di 100 cannabinoidi e 200 terpeni. La maggior parte di questi cannabinoidi sono esclusivi della Cannabis sativa.

Altri cannabinoidi

Il THC o il CBD sono i cannabinoidi più conosciuti. Ma esiste un nuovo cannabinoide non psicoattivo, il cannabigerolo (cbg), noto come la madre di tutti i cannabinoidi. Gli esperti ritengono che ci siano numerosi potenziali benefici per la salute dati dal cbg. Nonostante i limiti degli studi scientifici, la ricerca esistente mostra risultati promettenti per varie condizioni di salute.

Stiamo parlando di cannabinoidi prodotti naturalmente nelle piante di marijuana. Ma ci sono altri cannabinoidi, quelli sintetici, simili alle sostanze chimiche che si trovano nella pianta di cannabis. I cannabinoidi sintetici fanno parte di un gruppo di farmaci chiamati nuove sostanze psicoattive (SNP). Che sono sostanze non regolamentate che alterano la mente, i loro effetti possono essere imprevedibili e persino pericolosi. Queste sostanze sono disponibili sul mercato. Alcuni di questi sono in circolazione da anni ma sono tornati sotto forme chimiche nuove ed alterate.

THC, THCV, THCVA sono quasi lo stesso, ma non simili

Il secondo cannabinoide più importante del THC è il THCV (Tetraidrocannabivarina). Questa versione ha un lieve effetto psicotropo ed è per questo che le persone non sperimentano l’ansia associata, come potrebbe accadere con il THC. Si trova principalmente nelle varietà sative e può produrre sensazioni di euforia e aumentare l’attenzione. Il THCV può anche agire come soppressore dell’appetito. Può controllare la glicemia per i diabetici di tipo 2, come riportato nelllo studio su Nutrition and Diabetes Journal.

Nelle giuste condizioni il THCVA può trasformarsi in THCV. Il cannabinoide THCVA è un sottoprodotto finale del CBGVA (acido cannabigerovarin). Quando il CBGV si converte in THCVA ed è esposto al calore o alla luce, può trasformarsi in THCV. Secondo Ionization Labs: “Il THCVA viene creato quando il geranil pirofosfato si lega all’acido divorinolico anziché all’acido olivetolico e forma il CBGA, che si scompone in THCVA mediante un processo di THCV sintasi”.

Chi è Raphael Mechoulam?

Raphael Mechoulam è professore di chimica farmaceutica all’Università Ebraica di Gerusalemme. Durante i suoi anni di lavoro scientifico, ha contribuito in modo significativo alla scienza dei cannabinoidi e del sistema endocannabinoide come lo conosciamo oggi, tra questi contributi senza precedenti ci sono: l’isolamento e sintesi del THC e l’identificazione del sistema endocannabinoide.

Il suo lavoro gli è valso molti premi, come l’Israel Prize nel 2000, il NIDA Discovery Award nel 2011 e molti altri. La sua vita e il suo lavoro sono discussi nel film documentario “The Scientist”, disponibile anche in streaming.

Proprietà terapeutiche del THC

Il THC è anche noto per le sue proprietà terapeutiche. Alcune delle ricerche recenti mostrano prove su queste proprietà, alcune di queste sono:

  • analgesico
  • antinfiammatorio
  • neuroprotettore
  • antiossidante
  • rilassante muscolare
  • antiemetico e antinausea
  • antitumorale
  • oressigenico (stimolante dell’appetito)
  • riduce il desiderio di alcol e altre droghe.

Al giorno d’oggi, ci sono numerosi studi incentrati sul trattamento del cancro utilizzando il THC in combinazione con altri cannabinoidi, questi hanno mostrato effetti antitumorali nei test sugli animali. Alcuni studi sugli esseri umani sono in corso nelle università in Israele e nel Regno Unito. Ci sono stati anche diversi studi sul potenziale terapeutico del THC in casi di Alzheimer, per i suoi effetti neuroprotettivi. Le applicazioni terapeutiche più note del THC sono il trattamento della sclerosi multipla e della spasticità grave, somministrato con un rapporto THC/CBD di 1:1, principalmente per i pazienti che non hanno riscontrato risultati favorevoli con altri trattamenti antispastici.

Kannabia seed Company vende ai suoi clienti un prodotto da collezione, un souvenir. Non possiamo e non dobbiamo dare consigli sulla coltivazione perché il nostro prodotto non è destinato a tale scopo.

Non siamo responsabili dell’uso illecito che potrebbe essere fatto da parte di terzi delle informazioni qui pubblicate. La coltivazione della cannabis per autoconsumo è un’attività soggetta a determinate restrizioni legali che variano da stato a stato. Si consiglia di rivedere la normativa vigente nel Paese di residenza per evitare di incorrere nello svolgimento di un’attività illecita.

Condividere: