semillas_esquejes_principal

Differenza tra semi di cannabis e talee

Di: Redacción Coltivazione

Quando coltivi marijuana, puoi iniziare con semi o talee. Ma qual è la differenza? Uno è meglio dell’altro? La scelta di un metodo o dell’altro determinerà sia lo sviluppo delle piante e le loro prestazioni, sia le cure che dovranno essere loro dedicate. Scopri di seguito mentre discutiamo in cosa consistono queste due opzioni di coltivazione.

Coltivare la propria cannabis ha molti vantaggi ed è probabilmente una delle cose più soddisfacenti che si possano fare. Ci vorrà tempo e pazienza per imparare a farlo nel modo giusto, ma con dedizione puoi sicuramente trasformarlo in una vera passione.

Tuttavia, prima di mettersi al lavoro, tutto si riduce a una domanda: come posso iniziare? Seme o talea? Questa è una scelta che tutti i coltivatori di cannabis, aspiranti o professionisti, dovrebbero farsi. E ognuna ha i suoi vantaggi e svantaggi.

Cosa sono i semi di cannabis?

Come altre piante da fiore, le piante di cannabis femmina possono produrre semi che presentano una variazione della propria genetica. Questi semi ovali, delle dimensioni di un granello di pepe, possono essere piantati per svilupparsi in piante di marijuana completamente mature.

I semi impiegano un mese per germogliare e superare la fase iniziale di piantina. Tuttavia, questo lento avvio fuori dalla terra, di solito, nasconde sostanziali progressi nel sottosuolo. Quando viene coltivata dal seme, la cannabis produce un fittone che penetra in profondità nel terreno di coltura, da cui spuntano radici secondarie laterali per coprire un’area più ampia possibile.

Ciò consente alla pianta di accedere a quanta più acqua e sostanze nutritive possibili, con la possibilità di andare molto in profonditá quando non sono disponibili in superficie. Un esteso apparato radicale, inoltre, áncora le piante al terreno, per sostenere la crescita verticale e prevenire lo sradicamento.

Inoltre, l’altezza o la struttura delle piante varierà tra i semi provenienti dagli stessi genitori poiché le piante si adattano all’ambiente; e alcuni prosperano in condizioni in cui altri vacillano. Ciò consente ai coltivatori di selezionare i migliori maschi e femmine per la riproduzione, in modo che le varietà vengano sviluppate attraverso una selezione (in)naturale per ottenere le migliori varietà di marijuana possibili.

Differenza tra semi di cannabis e talee

Cosa sono le talee di cannabis?

Le talee di cannabis sono “cloni” di una pianta di cannabis vivente, che i coltivatori chiamano pianta madre, quindi condividono esattamente la stessa genetica, fornendo le stesse caratteristiche, che possono essere riprodotte molte volte prima di soccombere allo stress.

Le talee prelevate dalla stessa madre dovrebbero crescere a una velocità simile tra loro per produrre esemplari uniformi, consentendo di massimizzare lo spazio in modo che le piante ricevano la stessa quantità di luce, senza competere tra loro e senza esaurire le proprie risorse. E anche se lo sviluppo delle talee non sarà così vigoroso, il risultato finale è più prevedibile e offre maggiori certezze, ad esempio, per le colture commerciali.

Queste sono le basi. Ora diamo uno sguardo più approfondito ai vantaggi e agli svantaggi di ciascuna opzione di coltivazione.

Coltivare a partire da semi di cannabis

El cultivo partiendo de semillas es la forma más tradicional de cultivar plantas de marihuana, especialmente entre los cultivadores domésticos. Pero, además, las semillas de cannabis también tienen varios beneficios que las convierten en una opción atractiva tanto para principiantes como para expertos:

  • I semi sono più accessibili: una delle cose migliori è quanto sia facile ottenerli, dal momento che puoi acquistare semi online direttamente da banche semi come Kannabia, per riceverli discretamente per posta a casa tua.
  • I semi offrono una genetica più pura: sono il prodotto della riproduzione sessuale, quindi ereditano le caratteristiche genetiche da entrambi i genitori, presentando qualche variazione genetica, quindi puoi scegliere la pianta migliore o quella che ti piace di più.
  • Puoi ottenere semi femminizzati che hanno una probabilità del 99% di produrre piante femmine. Questo elimina la preoccupazione per le piante maschio dall’equazione, rendendo l’uso dei semi più facile che mai.
  • Molteplici opzioni del tipo di seme. Oltre alle centinaia di varietà di marijuana che puoi trovare sul mercato dei semi femminizzati, puoi anche scegliere di coltivare utilizzando semi regolari o semi autofiorenti.

Coltivare a partire da talee di marijuana

Coltivando una talea invece di piantare un seme, hai una genetica più garantita, ma devi anche affrontare un processo di coltivazione più complicato. Ciò significa che potrebbe generalmente essere considerata un’opzione più avanzata rispetto all’utilizzo dei semi. Sebbene abbiano i loro vantaggi, come ad esempio:

  • Ottieni sempre la genetica attesa: non ci sono sorprese genetiche con una talea, quindi producono risultati più coerenti in termini di struttura, cannabinoidi e terpeni. Questo è fantastico se stai cercando risultati costanti in un raccolto.
  • Le talee delle piante madri saranno sempre femmine: puoi stare tranquillo sapendo che saranno sempre piante femmine. Sono copie genetiche esatte della loro madre, quindi non c’è alcuna possibilità che siano maschi.
  • Le talee sono più veloci, poiché i semi impiegano più tempo a svilupparsi in una pianta completamente matura perché devono attraversare ogni fase del processo di crescita (germinazione, piantina, vegetativa e fioritura). Le talee radicate partono dallo stato vegetativo, ma i semi partono da zero.

Tuttavia, a questi vantaggi delle talee è necessario aggiungere alcuni inconvenienti che i semi di marijuana non hanno, come ad esempio:

  • Possono essere difficili da trovare: non tutti possono mettere le mani su talee di alta qualità, che sono decisamente più difficili da trovare rispetto ai semi di cannabis di alta qualità.
  • Le piante da talea sono più delicate. Questo perché le talee non sviluppano mai una radice primaria, ma sviluppano invece apparati radicali avventizi, che sono quelli che non provengono dalla radichetta dell’embrione, ma si originano altrove nella pianta. Queste radici fibrose sono prive di un forte fittone centrale, il che rende le talee meno resistenti e più fragili rispetto alle piante di marijuana coltivate da seme.
  • I cloni a volte arrivano con il bagaglio di troppo. Se la pianta madre ospitava parassiti, malattie o muffe, anche la talea li ospiterà. E se la madre aveva un problema genetico, lo avrà anche la talea, visto che è una copia genetica esatta. Quando si ottengono talee da una fonte esterna, è sempre una buona idea metterle in quarantena prima di inserirle nello stesso spazio nel quale sono presenti altre piante.

Semi vs talee: Qual è la miglior opzione?

Riassumendo, possiamo concludere che mentre le talee sono intriganti per certi aspetti, coltivare cannabis dai semi è più interessante, più naturale e generalmente più facile per la maggior parte delle persone, rendendola un’opzione ideale per coloro che coltivano da soli per la prima volta.

Inoltre per molti non produce la stessa soddisfazione effettuare un raccolto da seme che da talea, poiché non è la stessa cosa veder crescere una parte di una pianta madre che far crescere qualcosa di nuovo dal seme. Inoltre, va considerato l’aspetto legale: contrariamente a quanto accade con i semi di marijuana, la cui vendita è del tutto consentita, non è autorizzata la distribuzione delle talee. Questo ha un impatto sul numero di varietà di cannabis che possiamo trovare sul mercato.

Pertanto, fintanto che acquisti i tuoi semi di cannabis da una banca di semi di qualità come Kannabia, puoi essere certo di ottenere le migliori genetiche e origini possibili. Avrai anche accesso a una maggiore varietà di genetiche e saprai esattamente cosa stai piantando. Ciò significa che i raccolti veramente eccezionali iniziano con semi di qualità epica. E l’intera gamma di semi di Kannabia Seeds ti sta aspettando per dargli un’occhiata!

Kannabia seed Company vende ai suoi clienti un prodotto da collezione, un souvenir. Non possiamo e non dobbiamo dare consigli sulla coltivazione perché il nostro prodotto non è destinato a tale scopo.

Non siamo responsabili dell’uso illecito che potrebbe essere fatto da parte di terzi delle informazioni qui pubblicate. La coltivazione della cannabis per autoconsumo è un’attività soggetta a determinate restrizioni legali che variano da stato a stato. Si consiglia di rivedere la normativa vigente nel Paese di residenza per evitare di incorrere nello svolgimento di un’attività illecita.

Genetica americana

Purple Kush

Da: 8.50€

Sconto -40%

Cookies Haze

Da: 11.00€ 6.60€

Sconto -40%

Lemon Haze Auto

Da: 11.00€ 6.60€

Condividere: