freeze_drying

‘Freeze drying’: la tecnica che essicca e stagiona la cannabis in 24 ore

Di: Daniel C. Coltivazione

La coltivazione della cannabis è un processo che richiede dedizione e, soprattutto, pazienza. I coltivatori di cannabis esperti lo sanno bene poiché, una volta raccolte, devono attendere che le cime passino attraverso il processo di essiccazione e concia. In alcuni casi, questo può richiedere fino a un mese e mezzo o due, ma… Se ti dicessimo che esiste una tecnica che asciuga e cura i fiori di marijuana in sole 24 ore?

Il cosiddetto “freeze drying” o liofilizzazione (nota anche come crioessiccazione) è una tecnica comunemente utilizzata per conservare gli alimenti deperibili attraverso la disidratazione. Il processo consiste nel disidratare il materiale mediante congelamento e quindi, riducendo la pressione circostante, lasciando evaporare l’acqua congelata rimanente. In questo modo è possibile eliminare praticamente tutta l’umidità contenuta nel prodotto e conservarlo così più a lungo.

Alcuni pionieri nel settore della cannabis hanno trovato in questa tecnica (applicata da anni nel settore alimentare) un possibile modo per rendere più efficiente la lavorazione della cannabis. Con figure rappresentative come Ed Rosenthal a supporto della liofilizzazione, molti hanno iniziato a vedere le possibilità offerte da questa tecnica.

In un mercato regolarizzato come quello statunitense, è inevitabile che ci siano progressi tecnologici che consentano di migliorare la produzione e ottimizzare la qualità del prodotto finale.

‘Freeze drying’ e la cannabis: funziona realmente?

Per anni, alcuni coltivatori hanno studiato le possibilità della liofilizzazione per essiccare e curare i fiori di marijuana senza successo. Ed è che, a causa del quadro giuridico e delle circostanze “particolari” dell’industria della cannabis, non è sempre facile applicare tecniche avanzate e non sempre sono disponibili le risorse necessarie.

I primi tentativi di ‘liofilizzazione’ furono un fiasco perché le macchine utilizzate non erano progettate per essiccare le cime di cannabis, ma piuttosto per disidratare mele o altri alimenti. Le condizioni offerte da questi dispositivi erano troppo aggressive per i delicati tricomi, che finivano per cadere. Inoltre, la cannabis risultante era troppo secca e compressa; e una grande quantità di terpeni e cannabinoidi andava persa, quindi il prodotto finale aveva meno aroma e sapore rispetto alle cime essiccate con il metodo tradizionale.

Tuttavia, alcuni hanno capito che la questione fosse quella di regolare quei parametri per i quali non riuscissero a liofilizzare i fiori di cannabis mantenendo intatti i loro tricomi e profili terpenici. E alla fine l’hanno ottenuto.

In cosa consiste il ‘freeze drying’?

Il processo di “liofilizzazione” per essiccare e curare le cime di cannabis consiste in diverse fasi:

  • In primo luogo, le cime fresche (raccolte di recente) vengono poste in un congelatore. È importante che i fiori siano disposti su ripiani in rete d’acciaio senza essere schiacciati e con grande cura.
  • Una volta posizionate, le temperature sotto lo zero nella camera congelano le cime, trasformando l’acqua che contengono in minuscoli cristalli di ghiaccio.
  • Una volta formati questi cristalli (con l’umidità contenuta nei fiori), la pressione all’interno del liofilizzatore viene ridotta per creare il vuoto.
  • La combinazione di bassa pressione e bassa temperatura attiva un processo chiamato “sublimazione”, che converte l’acqua cristallizzata in gas senza passare per lo stato liquido, ma preservando la struttura molecolare della sostanza liofilizzata senza causare danni a tale struttura.
  • Infine, questa umidità sotto forma di gas viene aspirata dal vuoto in una camera di condensazione più fredda. Il risultato finale è un fiore di cannabis a cui è stata rimossa l’umidità residua, ma conserva tutto il suo sapore, colore e aroma.

Differenze tra ‘freeze drying’ e il metodo tradizionale

Ti starai chiedendo cosa differenzia i fiori essiccati e conciati mediante liofilizzazione rispetto a quelli che sono stati lavorati con il metodo tradizionale. In realtà, la differenza è schiacciante, dal momento che l’aspetto delle cime che hanno subito la “liofilizzazione” è incredibilmente simile ai fiori che si vedono freschi quando sono ancora sulla pianta.

A differenza di ciò a cui siamo abituati, le cime liofilizzate non si riducono di dimensioni (come quelle che sono state essiccate appendendo la pianta a testa in giù per 15 giorni) e anche il loro colore, aroma e sapore sono gli stessi. Cime verde brillante e un profilo terpenico intatto che molti hanno iniziato a soprannominare “fiori di resina viva”.

Che benefici offre il ‘freeze drying’?

In realtà i vantaggi dell’utilizzo di questa tecnica sono vasti, anche se è vero che richiede un investimento iniziale che non tutti i produttori di cannabis possono permettersi.

Negli Stati Uniti, dove questo metodo inizia ad essere implementato, gli agricoltori di medie e grandi dimensioni cercano sempre di ottimizzare le proprie risorse e ottenere un prodotto di qualità superiore. In un mercato competitivo come quello statunitense, questa rivoluzionaria tecnica di essiccazione può fare una grande differenza per un marchio; tuttavia, come accennato in precedenza, non tutti possono permettersi l’attrezzatura necessaria per farlo.

Vediamo quali vantaggi offre la “liofilizzazione”:

  • Indubbiamente, uno dei vantaggi è che i fiori di cannabis saranno pronti da consumare in sole 24 ore rispetto a 15 giorni di essiccazione più circa 30 giorni di stagionatura.
  • È un metodo che elimina i problemi fungini che possono verificarsi durante l’essiccazione tradizionale.
  • Alcuni consumatori affermano che i fiori essiccati con questa nuova tecnica producono un effetto più energico che descrivono come “gioioso”. Inoltre, gli utenti riferiscono che fumare questo tipo di cannabis si traduce in un’esperienza più liscia per la gola e meno irritante per le vie aeree.
  • Senza dubbio, l’effetto visivo è una delle grandi vittorie della “liofilizzazione”, poiché le cime difficilmente diminuiscono di dimensioni e sono due volte più grandi delle cime normalmente essiccate. Il loro colore è verde brillante ed emanano un aroma incredibile.
  • Non c’è umidità in eccesso, l’asciugatura è perfetta.
  • I tricomi sono meglio conservati. I risultati di laboratorio hanno confermato che, utilizzando questa tecnica, si ha una minore perdita di resina; questo si traduce in una grande quantità di cannabinoidi e terpeni. Ed è con questa tecnica che si evita la rottura o il distacco dei tricomi, le cime vengono letteralmente “congelate” nel tempo, proprio in quel punto (di recente raccolta) in cui esprimono il loro massimo potenziale e bellezza.
  • I livelli di umidità possono arrivare fino all’1%, motivo per cui la cannabis essiccata in questo modo è l’ideale per le estrazioni, poiché l’acqua è il nemico numero uno dei processi utilizzati per produrre alcuni estratti di cannabis.

Conclusioni

Molti sostengono che la “liofilizzazione” rivoluzionerà il modo in cui i fiori vengono presentati al consumatore finale. Questo è un modo per rimuovere l’umidità in eccesso mantenendo intatta la cima in tempi record. Anche se alcuni preferiscono attenersi alla tradizione perché la considerano più artigianale, l’ultima parola spetterà al pubblico, che sarà quello che opterà per il prodotto di miglior qualità. Forse questo metodo è persino arrivato ad ampliare la gamma di formati di cannabis disponibili sul mercato, come facevano gli estratti e i concentrati ai loro tempi.

Kannabia seed Company vende ai suoi clienti un prodotto da collezione, un souvenir. Non possiamo e non dobbiamo dare consigli sulla coltivazione perché il nostro prodotto non è destinato a tale scopo.

Non siamo responsabili dell’uso illecito che potrebbe essere fatto da parte di terzi delle informazioni qui pubblicate. La coltivazione della cannabis per autoconsumo è un’attività soggetta a determinate restrizioni legali che variano da stato a stato. Si consiglia di rivedere la normativa vigente nel Paese di residenza per evitare di incorrere nello svolgimento di un’attività illecita.

New, Genetica americana

Dosidos

Da: 11.00€

Mataro Blue

Da: 11.00€

Mikromachine Auto

Da: 11.00€

Condividere: